Archivi tag: Consiglio Comunale

Elezioni Amministrative 26-27 maggio 2013

A Imola, domenica 26 e lunedì 27 maggio 2013, ci saranno le elezioni amministrative per la scelta del Sindaco e del Consiglio Comunale.

Io sono candidato come Consigliere Comunale, all’interno della lista del Partito Democratico, in sostegno a Daniele Manca come Sindaco.

Qui sotto trovate una “cartolina” che ho stampato (su carta riciclata!) contenente alcune delle cose fatte in questo mandato e alcune proposte per il futuro, sulle quali mi candido. Ovviamente, per gli altri temi, mi riconosco nel programma della coalizione, composta dalle liste, oltre al PD, de “La Sinistra in Comune (RC e Verdi)”, SEL, Partito Socialista, Progetto Comune, “Fornace Viva – La Scelta Civica per Imola”.

Il mio invito è, quindi, di andare a votare per il PD e scrivere Bondi accanto al Simbolo. E’ possibile anche esprimere due preferenze, se di diverso genere.

Buon voto!

cartolina_Bondi_ok2.cdr

cartolina_Bondi_ok2.cdr

Sabato 13 Aprile: Primarie per il Consiglio Comunale Imola

Sabato 13 Aprile si terranno le Primarie per la selezione dei Candidati Consiglieri PD alle prossime Amministrative di fine maggio.

Mi sono candidato anche io, per continuare e rafforzare l’opera di cambiamento della Pubblica Amministrazione che in questi anni ho portato avanti con la mia attività politica, cercando con il massimo impegno di governare anche in questi anni molto difficili, soprattutto sotto gli aspetti economici e sociali.

Si vota dalle 9 alle 19, possono votare i cittadini imolesi presso i Circoli del PD. Sotto trovate un paio di volantini con le informazioni necessarie!

santino primarie

 

seggi-fronteseggi-retro

Consiglio Comunale sulla Scuola

In un periodo di riflessione e azione dettato dalla tragedia di Rivoli, si continua a parlare di scuola.

Giovedì prossimo, 27 novembre, si terrà ad Imola un Consiglio Comunale tematico sulla Scuola, presso il Teatro dell’Osservanza. Si inizierà alle 17 per terminare presumibilmente intorno alle 20,30. Interverranno:

  • Presidente e Vice del Consiglio Comunale
  • Sindaco di Imola
  • Dirigente Scolastico
  • Insegnante
  • Studente
  • Genitore
  • Gruppi Consiliari
  • Assessore alla Scuola

Intanto riporto qui sotto il mio intervento pubblicato sul Sabato Sera di questa settimana. Mi raccomando, partecipate al Consiglio di giovedì e spargete l’invito!

Uno dei bisogni primari dello Stato Italiano è riorganizzare la propria spesa. Impiegarla al meglio, lottando contro sprechi e inefficienze e utilizzando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Quando si vuole risparmiare, la scelta è di ridurre le spese improduttive, come vengono evidentemente considerate quelle sostenute per la scuola, la formazione e la ricerca. Solamente tenendo a mente questo quadro si possono comprendere i tagli sulla scuola per 7,8 miliardi in tre anni decisi dal governo.

Durante le numerose manifestazioni, uno degli slogan più diffusi tra i ragazzi era “non pagheremo la vostra crisi”. Oggi lo Stato si sta proponendo come barelliere di una finanza ammalata, pronto soccorso di un mercato ferito. Certo, è fondamentale mettere in campo politiche che possano rispondere ai cambiamenti dell’economia mondiale. Per finanziare queste scelte, però, è miope aver valutato di poter trovare le risorse dall’istruzione.

La sfida della società di oggi si gioca in buona parte sul sapere, sulla conoscenza e sulla capacità di metterla in pratica. Sull’apprendimento per tutto l’arco della vita. Queste opportunità possono essere fornite solamente da una scuola di qualità, che accompagni la crescita e lo sviluppo del paese all’interno di un quadro europeo e mondiale in forte evoluzione.

Nell’interesse di un miglioramento della scuola, sono necessarie vere innovazioni. Poco contano le proposte del grembiulino o del voto in cifre. Sono provvedimenti che evocano la tradizione e la nostalgia come cura dei mali odierni. Se si vuole veramente fare dei passi avanti c’è bisogno di un impegno maggiore, con proposte più ricercate.

E’ necessario fornire la garanzia di una maggior diffusione del tempo pieno, oggi nel territorio imolese richiesto dal 60 percento delle famiglie. Occorre realizzare una scuola più seria e rigorosa, che con gli opportuni strumenti di valutazione premi il merito tra studenti ed insegnanti e sia in grado di fornire ai ragazzi gli strumenti e le competenze per affrontare il mondo del lavoro. Dobbiamo opporci all’idea di classi differenziate tra alunni italiani e stranieri, proponendo invece la scuola e la famiglia come canali di integrazione. L’università deve abbandonare la logica del nepotismo e lobbismo per attirare nuovi professori più giovani e ridurre i ricercatori precari, e occorre sostenere finanziariamente gli studenti che intendano trascorrere un periodo di studio in un altro paese europeo. E’ necessario premiare le università in base al merito, con criteri di valutazione condivisi tra atenei, Ministero e Regione.

L’Amministrazione comunale di Imola, pur in un momento di tagli alle risorse degli Enti Locali, ha intenzione di continuare il suo investimento sul sapere, per non fare passi indietro rispetto a quanto fin qui raggiunto. Apriremo il prossimo anno la nuova scuola media in Pedagna e stiamo progettando un nuovo asilo nido, che ridurrà ulteriormente le liste d’attesa e permetterà ad Imola di posizionarsi ai massimi livelli nazionali con una copertura di posti superiore al 40 percento dei bambini in età. Lavoreremo con le autonomie scolastiche per mantenere alta la qualità dell’offerta formativa per i ragazzi, in un nuovo patto tra famiglia, scuola e territorio.

Parlare di scuola è parlare del futuro del paese. Tagliarla significa tagliare le ali alla sua crescita. La caratteristica più inaccettabile di questi provvedimenti della destra è il furto di futuro di cui sono vittime i giovani, che come ci hanno potuto dimostrare sono ben documentati e non si piegano a strumentalizzazioni di parte. Proprio per questo è giusto che il Consiglio Comunale, massima istituzione cittadina, ascolti le voci di tutte le componenti della scuola, gli studenti e le loro famiglie, gli insegnanti, i dirigenti scolastici, per continuare a tenere alta l’attenzione ed il sostegno da parte della città nella battaglia per il loro ed il nostro avvenire.

Andrea Bondi
Assessore alla Scuola del Comune di Imola

Fac-Simile elettorale

Dopo qualche post più e meno serio sulle schede elettorali, è utile avere un fac-simile.

Inserisco qui sotto le schede che ho trovato sul sito del Partito Democratico di Imola.

Sono tre: una rosa per la camera, una gialla per il senato ed una azzurra per il consiglio comunale. Purtroppo solo su quella azzurra si può inserire la preferenza, in questo fac-simile c’è il mio nome ma conosco personalmente tutti i candidati nella lista del PD e chiunque di loro vogliate votare sono persone valide. Anche nelle altre liste ci sono persone che conosco e stimo, alcune anche in schieramenti avversari.

Ovviamente ho chiesto di votare per me ;) ma qualunque decisione abbiate preso, il primissimo invito è di andare a votare. Vi giro anche un video trovato da claudiocaprara.it

camera1.jpg Fac-Simile elezioni CAMERA

senato1.jpg Fac-Simile elezioni SENATO

scheda-comunali-imola.jpg Fac-Simile elezioni COMUNALI

Immagine anteprima YouTube

La PA locale vuole Open Source anche sul Desktop

linux.gifQuando leggo notizie come questa sono davvero contento:

I desktop open source spopolano nella PA locale

Personalmente, è da anni che lavoro per portare l’Open Source all’interno della Pubblica Amministrazione, ovviamente lavorando con Imola. Ho raggiunto alcuni risultati ed altri ancora ce ne sono davanti.

All’interno del programma di Daniele Manca Sindaco ho inserito l’esplicito riferimento al Software Libero, personalmente l’ho rimarcato nella mia candidatura.

Vedere che anche altre amministrazioni lavorano in questa direzione non può che farmi piacere.

La mia Candidatura al Consiglio Comunale di Imola

preferenzafronte.jpg

Ho accettato la proposta che mi è stata fatta di candidarmi per il Consiglio Comunale di Imola nella lista del Partito Democratico.

Eletto nel 2004, a 19 anni, ed in carica fino a poche settimane fa, questi anni da consigliere comunale mi hanno permesso di crescere ed imparare. Ho avanzato alcune proposte, come il passaggio al software libero, ho svolto la funzione di consigliere per l’attività di giunta ma soprattutto ho continuato ad avere rapporti con tutta la città per portare all’attenzione dell’amministrazione le proposte, le domande ed i bisogni dei cittadini.

Ho incontrato in particolare tanti ragazzi che volevano partecipare, proprietari di locali che avevano proposte per la città, persone che avevano per qualche motivo bisogno dell’azione della giunta.

Ringrazio chi nel 2004 mi ha votato: mi ha dato questa fantastica opportunità di conoscere fino in fondo Imola, le sue potenzialità, la sua vivacità. Ho avuto anche diversi confronti con chi la pensava in maniera diversa da me, anche grazie a questo blog. Ma tutto si è sempre svolto nei limiti del dibattito civile, senza mai arrivare agli insulti o agli attacchi personali.

Questa è la politica che mi piace e che vorrei continuare a fare. Sono tante le proposte che mi piacerebbe portare avanti nel prossimo mandato. Nel complesso contenute nel programma elettorale di Daniele Manca Sindaco, alcune particolari per politiche giovanili, innovazione e comunicazione le riporto qui sotto.

E’ proprio per portare avanti tutte queste idee che chiedo a chi le sente anche sue di darmi una mano in questa campagna elettorale e di scrivere ed invitare a scrivere BONDI di fianco al simbolo del PD.

E… dimenticavo! :) Si vota domenica 13 aprile dalle 8 alle 22 e lunedì 14 aprile dalle 7 alle 15.

Qui sotto trovate un po’ di materiale:

Le proposte sulle Politiche Giovanili

Le proposte sull’innovazione

volantinoandreabondiesterno.jpg Volantino – esterno
[versione in pdf]

volantinoandreabondiinterno.jpg Volantino – interno
[versione in pdf]

preferenzaandreabondifronte.jpg Preferenza – fronte
[versione in pdf]

preferenzaandreabondiretro.jpg Preferenza – retro
[versione in pdf]

bannerandreabondiok.jpg Il Banner

ribbonandreabondiok.jpg Il Web-Ribbon
Il codice per inserirlo

La Lista del PD alle Amministrative di Imola

gruppocandidati.jpg

Ieri è stata presentata la lista del Partito Democratico per le elezioni comunali del 13 e 14 aprile. La prima cosa da sottolineare è la perfetta parità tra uomini e donne: 15 e 15. Un bel 50%, alla faccia delle quote rosa! :)

Il programma è quello della coalizione guidata da Daniele Manca.

Due dichiarazioni. La prima di Fabrizio Castellari, capolista:

«Sono onorato di guidare questa squadra straordinaria di donne e di uomini che il Partito Democratico mette a disposizione della città e del suo governo per i prossimi cinque anni – dichiara il capolista Castellari – E’ una lista molto qualificata, che parla alla città a 360 gradi e che, attraverso le persone che mette in campo, vuole interpretare il programma di governo che il candidato sindaco ha presentato in questi giorni: saprà certamente garantire un supporto straordinario, di qualità e di competenza, per tutto il tempo del suo mandato amministrativo».

La seconda di Daniele Manca, candidato Sindaco:

«La lista, che rispecchia le diverse articolazioni della società imolese, è in grado di dare un contributo importante all’attuazione del progetto di governo della città – aggiunge il candidato sindaco Daniele Manca – Sono certo che otterrà un grande risultato».

E questa è la lista:

  • Fabrizio Castellari, 39 anni, architetto e vicesindaco uscente;
  • Silvia Sassi, 21 anni, studentessa universitaria;
  • Maurizio Barelli, 51 anni, impiegato tecnico e consigliere uscente;
  • Gabriella Barbieri, 67 anni, presidente di Università Aperta;
  • Andrea Bondi, 23 anni, conduttore televisivo, laureato in Ingegneria informatica e consigliere uscente;
  • Monica Campagnoli, 36 anni, ricercatrice Università di Bologna e consigliera uscente;
  • Gilberto Cavina, 59 anni, tecnico e consigliere uscente;
  • Elena Costa, 29 anni, responsabile area Welfare del Partito Democratico di Imola e consigliera uscente;
  • Giuliano Dall’Osso, 49 anni, presidente TreElle;
  • Carla Govoni, 53 anni, pensionata e consigliera uscente;
  • Guido Ferrari, 50 anni, primario di Radiologia Asl Imola;
  • Liviana Fabbri, 59 anni, esercente Bar Bologna;
  • Valter Galavotti, 58 anni, assessore alla Cultura uscente;
  • Dallia Gramantieri, 57 anni, pensionata;
  • Vittorio Lenzi, 71 anni, assessore al Bilancio uscente;
  • Paola Lanzon, 43 anni, presidente Uisp e consigliera uscente;
  • Moreno Mannini, 45 anni, ex calciatore;
  • Federica Marocchi, 28 anni, assicuratrice e consigliera uscente;
  • Filiberto Mazzanti, 41 anni, dirigente consorzio agricolo e consigliere uscente;
  • Patrizia Mazzoni, 53 anni, consulente ambiente e sicurezza di Confartigianato;
  • Daniele Montroni, 46 anni, assessore all’Urbanistica uscente;
  • Lorena Minardi, 53 anni, imprenditrice del negozio Fili di Dora di Imola;
  • Marco Raccagna, 42 anni, presidente del Consiglio Comunale uscente;
  • Teresa Scarcasale, 45 anni, imprenditrice agricola, direttivo territoriale Cia, Consiglio nazionale Cia;
  • Pier Paolo Ragazzini, 52 anni, operaio;
  • Paola Tassinari, 36 anni, responsabile Tesi di laurea Zoo Acquario;
  • Davide Tronconi, 32 anni, capogruppo uscente;
  • Pierina Tullo, 65 anni, pensionata e consigliera uscente;
  • Roberto Visani, 40 anni, assessore alla Sanità uscente;
  • Lucia Valtancoli, 47 anni, presidente Associazione Alzheimer Imola, consigliere nazionale Federazione Alzheimer.

Ultimo Consiglio Comunale

Eccoci qua. Domani mattina, dalle 9, è convocata l’ultima seduta di questo consiglio comunale, poi si iniziano a preparare le elezioni amministrative del 13 e 14 aprile.

Non voglio tenerla lunga, quattro anni sono tanti e di momenti da ricordare in questo consiglio comunale ce ne sono stati parecchi.

Vorrei solamente fare qualche ringraziamento. Un grazie, in primo luogo, a chi mi ha votato nel 2004. Senza quei voti non avrei mai potuto vivere questa fantastica esperienza. Un’esperienza che mi ha permesso di gustare a pieno la mia città, prendendo parte anche alle decisioni che ne hanno cambiato il volto.

Un grazie anche a Massimo Marchignoli e Daniele Manca, che mi proposero la candidatura. Di certo una scommessa che, spero, siano contenti di aver fatto.

Grazie anche a tutti i consiglieri. Dei DS, come siamo partiti, ed oggi del PD, coinvolgendo anche i consiglieri della margherita. A tutti quelli della maggioranza, per il lavoro svolto insieme. A quelli dell’opposizione: anche con loro sono riuscito a scambiare idee, opinioni e considerazioni che ritengo siano state utili.

Grazie agli assessori, riferimenti esecutivi del Sindaco e fondamentali interlocutori per portare a termine gli obiettivi fissati.

Grazie a tutto il personale del Comune di Imola. Dai dirigenti ai segretari, ho avuto spesso bisogno di loro e non ho mai trovato indisponibilità. Anzi, apertura e voglia di collaborare che mi hanno fatto davvero ricredere su chi critica e denigra i dipendenti pubblici.

Insomma, il grazie deve andare a tutti quelli con i quali mi sono incontrato in questi quattro anni. Sono riuscito a vedere Imola sotto nuovi punti di vista, capirne la vivacità ed ammirarne le potenzialità. Una città piena di associazioni, voglia di esprimersi, interessi e movimenti. Il calore che ti può trasmettere un accogliente romagnolo.

Domani, lasciando l’aula del Consiglio, non nascondo ci sarà un po’ di magone. Questi anni sono passati in fretta, e mi sarebbe sempre piaciuto fare di più di quanto non abbia fatto. Ogni volta sembra sempre di ricevere più di quanto puoi dare. Qualcosa di positivo, in questa tornata, spero di averlo lasciato alla mia città.

Icona PDF L’Ordine del Giorno del 22.2.2008, dalle 9.00 in Comune

Dimissioni del Sindaco Marchignoli

marchignoli-massimo.jpgOggi pomeriggio il Sindaco di Imola Massimo Marchignoli presenterà le proprie dimissioni al consiglio comunale. Di conseguenza decadrà anche la giunta e tutto il consiglio.

La mia valutazione sull’operato di questo sindaco è nota, ritengo sia stato uno dei migliori che Imola ha avuto nei suoi anni ed uno di quelli che più ha cambiato in meglio la faccia della città. Sono convinto anche che Daniele Manca saprà fare altrettanto.

L’altra sera, in una riunione, Marchignoli ha sottolineato che la propria campagna elettorale da parlamentare partirà davanti alle fabbriche. Mi piace, il Partito Democratico deve essere un partito del lavoro, e troppo spesso ci si è allontanati dalle condizioni dei lavoratori.

Icona PDF Lettera agli imolesi di Massimo Marchignoli

P.S. Sembra ormai deciso l’election day, quindi prepariamoci per il 13 e 14 aprile ad elezioni accorpate politiche ed amministrative. Governo dell’Italia e della città. Una bella tornata elettorale…