La Diffusione dell’Open Source nel Comune di Imola

opensource-250x216.pngPur se il post precedente ha alimentato una viva discussione, sono convinto che la strada giusta in particolare per una pubblica amministrazione sia, per tanti motivi, il passaggio all’Open Source.

E sono contento di vedere che la giunta continua il proprio impegno, preso a partire dal 2005. Impegno che ha trovato una pronta e forte sensibilità sia dalla parte politica che tecnica della macchina comunale.

Il 12 dicembre scorso, infatti, la giunta ha approvato una delibera dove prende degli impegni ben precisi sul software libero. Vogliamo essere chiari? Allora ecco, punto per punto, gli impegni presi:

  1. di approvare i seguenti indirizzi per l’attuazione di un piano di utilizzo di FLOSS all’interno dell’ ente e di diffusione e sviluppo dell’open source in ambito comunale;
  2. di considerare prioritaria per l’Amministrazione Comunale l’adozione di software open source, tenendo conto delle esigenze di:
    • sicurezza dei dati
    • economicità dell’acquisto
    • promozione dell’impiego di formati di dati standard e multipiattaforma
    • formazione dell’utenza interna e acquisizione della professionalità tecnica necessaria
    • compatibilità col software installato;
  3. di adottare, ove possibile, formati non proprietari per la trasmissione e diffusione interna ed esterna di documenti, qualsiasi sia il mezzo di comunicazione adottato (siti istituzionali, intranet, comunicazione atti e pratiche);
  4. di attivare politiche di sinergia con altri enti e amministrazioni locali e nazionali per lo sviluppo di progetti di diffusione dell’open source;
  5. di incentivare l’utilizzo dell’open source software nelle strutture scolastiche e culturali comunali;
  6. di promuovere l’acquisizione per la struttura comunale di software e procedure a codice sorgente aperto o comunque che garantiscano l’interoperabilità, la multicanalità e l’utilizzo in multipiattaforma;
  7. di integrare i suddetti indirizzi nelle attività e progetti a cui l’ente partecipa nell’ambito dello sviluppo dei progetti di e-government e dell’ICT territoriale;
  8. di dare diffusione ai servizi comunali del documento “Sviluppo del Free Libre Open Source Software nel Comune di Imola” allegato come parte integrante e sostanziale al presente atto, al fine di promuovere in tutte le realtà amministrative e produttive dell’ente l’utilizzo del FLOSS;
  9. di dare mandato al responsabile del servizio sistemi informativi di presentare uno studio di fattibilità e un’analisi costi/benefici per la predisposizione di un progetto per lo sviluppo dell’open source e la sua attivazione nel corso dell’anno 2008;

E’ stato raggiunto un grande traguardo, per il quale devo fare i complimenti a tanti soggetti. Un bel lavoro di squadra che ha coinvolto la giunta (in particolare gli assessori Lenzi, Mazzini e Galavotti), i dirigenti del Comune (su tutti Luca Fusaro e Michele Mordenti), i ragazzi dell’ImoLug ed altre persone che, a vario titolo, si sono interessate.

Questo passo avanti non si sarebbe riuscito a fare senza un lavoro costante, continuativo e convinto.

Sono contento e soddisfatto, si capisce? :)

Se volete leggere i documenti:

Il mio Ordine del Giorno approvato nel 2005 dal Consiglio Comunale di Imola

La Delibera di Giunta “Piano di Sviluppo dell’Open Source Software all’Interno dei Servizi Comunali”

Studio sullo “Sviluppo del Free Libre Open Source Software nel Comune di Imola”

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo!

Commenti

  1. Grande! Impegni chiari e precisi!
    Speriamo vengano mantenute tutte le promesse :)

    Complimenti a tutti quelli che si sono sbattuti per il software libero ad imola!

  2. Grazie Mille Andrea! E’ con piacere che ribadisco l’impegno dell’ImoLUG nell’aiutare la Pubblica Amministrazione e le persone per l’abbatimento del Digital Divide.

    Sono veramente contento e commosso nel vedere che i nostri sforzi vengano accolti in modo così trasparente e naturale che non ho parole…

    Grazie Andrea e grazie a tutto lo staff dell’ImoLUG e a tutti i nostri soci che credono in noi! :)

  3. Buon giorno a tutti, sono un (felice) utente di linux da 3 anni. La prima cosa a cui ho pensato quando ho provato le prime distribuzioni linux è stata la scuola. Il software open source offre un vastissimo panorama di applicativi didattici.
    Credo che l’ambito scolastico sia un buon punto di partenza per fare conoscere e divulgare l’opensource.
    Non a caso esitono distribuzioni dedicate come ad esempio EDUBUNTU.
    Spero che, come in altri paesi d’Europa, ad Imola l’open source diventi una realtà così come è diventata una stupenda realtà l’educazione stradale!

  4. Inviterei anche ad organizzare incontri per informare i dirigenti delle imprese imolesi, sulle potenzialità e le caratteristiche del software open source.
    Un complimento per Andrea Bondi, che stà portando ad Imola un vento di innovazione.
    Fabio Costa